Foto: Fabio Blaco

Incontro con il preparatore atletico FRANCESCO CUZZOLIN


Mercoledì 21 febbraio 2018 – 650a Manifestazione. L’universo dello sport comprende un’infinità di sfaccettature e di aspetti, complementari e collegati, specificità che rendono la realtà sportiva una dimensione tanto...



LEGGI TUTTO

Foto: Fabio Blaco

9° Premio Giornalistico “Salvatore Gioiello” ad ALBERTO CERRUTI


Giovedì 18 gennaio 2018 – 649a Manifestazione. Il Premio Giornalistico “Salvatore Gioiello” è un appuntamento, che assume sempre più importanza all’interno del nostro club: è stato creato con lo scopo di...



LEGGI TUTTO

Foto: Fabio Blaco

L’arbitro NICOLA RIZZOLI ospite del nostro Club


Mercoledì 14 marzo 2018 – 651a Manifestazione.

Nell’anno dei Mondiali di calcio, dell’inserimento del VAR ed ancora in pieno Campionato, abbiamo pensato di dedicare una serata ad uno straordinario professionista che ha diretto competizioni nazionali ed internazionali di enorme prestigio, ricevuto premi e riconoscimenti di ogni tipo e che oggi è il designatore degli arbitri di serie A.

MERCOLEDÌ 14 MARZO 2018 alle ore 20,30 presso Il Circolo La Scranna, Corso Garibaldi 80

abbiamo incontrato:

NICOLA RIZZOLI

Nel 2002 fa il debutto in serie A. Nel 2007 viene inserito nella lista degli arbitri internazionali, e con tale qualifica debutta nella UEFA Champions League nell’ottobre 2008. Dal 2009 entra a far parte del gruppo Elite degli arbitri UEFA. Per questo riceve inoltre dall’AIA il premio Concetto Lo Bello, riservato al direttore di gara iscritto negli elenchi FIFA (dunque internazionale) distintosi nel corso dell’ultima stagione sportiva. Nel 2010 è chiamato a dirigere, per la prima volta nella sua carriera, la finale di Coppa Italia. Sette giorni dopo dirige la finale di Europa League. Il 23 gennaio 2012 riceve per la prima volta il premio di Miglior arbitro AIC, premio che gli verrà consegnato anche nella stagione successiva. È stato inoltre l’arbitro della finale della prima edizione dell’Europa League che a partire dal 2009 ha sostituito la Coppa UEFA.

Dopo Gonella e Collina è stato il terzo arbitro italiano a dirigere una finale dei Mondiali di calcio, l’incontro tra Germania e Argentina del 13 luglio 2014. Nel 2015 eletto il Migliore arbitro della serie A per il quinto anno consecutivo. Nella stagione 2016-2017 continua la sua carriera internazionale, in particolare viene designato per dirigere il big match di andata tra Bayern Monaco e Real Madrid valido per i quarti di finale della UEFA Champions League. Al termine della stagione, conta 235 presenze in Serie A. Nel 2017 viene nominato responsabile e designatore della CAN A. Nel 2016 riceve il “Premio Giulio Campanati”, venendo giudicato dalla UEFA come miglior direttore di gara del Campionato Europeo di Calcio UEFA. Dal 2011 al 2017 è stato premiato come miglior arbitro AIC.

Hanno partecipato alla serata: Giovanni Calzolari, Presidente Sezione di Forlì A.I.A, Marco Piccinini e Michael Fabbri, arbitri di serie A, Gabriele Contini, Assistente Arbitrale Internazionale e Osservatore CAN serie A, Fiorenzo Treossi, ex arbitro internazionale.

Ha condotto il giornalista, nonché nostro socio, STEFANO BENZONI, che qui ci riporta le impressioni della serata.

Foto: Fabio Blaco

Nicola Rizzoli

Se Sergio Gonella è stato l’unico arbitro italiano (e il secondo nella storia insieme allo svizzero Gottfried Dienst) a dirigere nella sua carriera sia la finale di un Europeo – nel 1976 fra Cecoslovacchia e Germania – sia quella di un Mondiale – quella del 1978 fra Argentina e Olanda anche se tralasciamo il come l’abbia diretta… – la categoria arbitrale italiana nel suo ricco palmares può vantare altre due eccellenze di valore assoluto. Infatti sono stati solo due nella storia gli arbitri che hanno diretto nella loro carriera sia la finale di un Mondiale, sia la finale di Champions League: e nello specifico Pierluigi Collina (finale Champions del 1999 e finale Mondiale del 2002) e Nicola Rizzoli che ha fischiato la finale di Champions nel 2013 fra Bayern Monaco e Borussia Dortmund e quella dell’ultimo Mondiale 2014 fra Germania e Argentina. Rizzoli, fra l’altro, può vantarsi di essere stato chiamato a dirigere nel 2010 anche la prima finale della neonata Europa League.

Foto: Fabio Blaco

La Presidente Rosetti consegna a Rizzoli un ricordo della serata

E proprio Nicola Rizzoli, per sei anni di fila miglior arbitro italiano e per due, 2014 e 2015, miglior “fischietto” al mondo e dal luglio 2017 nuovo designatore arbitrale per la serie A, è stato graditissimo ospite del Panathlon Forlì in una serata nella quale ha ripercorso la sua carriera e durante la quale ha soprattutto toccato un po’ tutti gli argomenti più caldi e non legati al mondo della categoria arbitrale. Dall’emozione di arbitrare una finale di un campionato del mondo, alla gioia ed al puro divertimento di poter ammirare a pochi metri i numeri e le evoluzioni di tutti i più grandi calciatori degli ultimi 15-20 anni, al rimorso per qualche errore commesso – ovviamente in buona fede – (su tutti un rigore erroneamente dato al Milan durante un derby per inesistente fallo di Julio Cesar: “Aveva preso la palla, e dopo il fischio mi si è avvicinato e mi ha semplicemente detto ‘Questa volta hai preso un granchio’, frase che mi ha fatto subito dubitare della decisione presa. Poi all’occasione successiva gli chiesi pubblicamente scusa”), Rizzoli ha espresso opinioni chiare e lucide su ogni argomento. A cominciare dalla tanto citata VAR, al rispetto e all’ammirazione per i colleghi di ieri (presente alla serata uno dei suoi maestri, Fiorenzo Treossi) e dell’altro ieri oltre che per alcuni giocatori (Buffon, Zanetti, Maldini solo per citarne alcuni maestri di correttezza, lealtà e sportività), agli sforzi quotidiani per far crescere e migliorare ulteriormente i nostri arbitri, per finire con l’interessantissimo capitolo dedicato ai rapporti con gli altri protagonisti del calcio, calciatori, allenatori e dirigenti. Rizzoli ha conquistato la platea, padrone della situazione, tranquillo, aperto, disponibile al dialogo, ma comunque sempre serio e rigoroso. Praticamente come quando arbitrava.

A cura di S. Benzoni


Marco Grilanda tra la presidente Rosetti e Giorgio Sbaraglia. A destra il padre Gilberto

Nel corso della serata conviviale abbiamo avuto un altro dei momenti importanti per la vita del nostro Club: l’entrata di un nuovo socio. Ed in questo caso il nuovo ingresso è nel segno delle continuità e della novità. Della continuità, perché Marco Grilanda, che da stasera fa parte della famiglia del Panathlon Forlì, è figlio del Maestro Gilberto Grilanda, anch’egli nostro socio e fondatore di una delle più note palestre di cultura fisica di Forlì, il New Club Sportman. Della novità perché Marco, classe 1982, è un socio giovane che ha fatto dello sport la sua ragione di vita e la sua professione: conduce ormai a tempo pieno la palestra del padre nella quale sta portando il suo contributo di entusiasmo e rinnovamento.

Benvenuto Marco!

A cura di G. Sbaraglia


Dai media locali:

Forlì Today: L’arbitro internazionale Nicola Rizzoli ospite del Panathlon Forlì Eventi a Forlì (11/03/2018).


Leave a comment

Progetto e contenuti a cura di Giorgio Sbaraglia
Designed and developed by Axterisco Web Agency